Aprire la Partita IVA, ecco come e dove farlo

Per aprire la partita Iva bisogna innanzitutto compilare uno dei due seguenti modelli:

  • Modello AA9: questo modulo lo deve compilare chi vuole aprire la partita Iva per una nuova ditta individuale o per una nuova attività autonoma; a partire da questa pagina del sito dell’Agenzia delle Entrate, e andando nella sezione “Richiedere – Partita Iva”, si può trovare e scaricare il modello AA9.
  • Modello AA7: questo modulo va compilato se si desidera aprire la partita Iva per una nuova società, un nuovo ente, o una nuova attività che abbia una forma societaria non riconducibile a una singola persona fisica; a partire da questa pagina del sito dell’Agenzia delle Entrate, e andando nella sezione “Richiedere – Partita Iva”, si può trovare e scaricare il modello AA7.

I professionisti possono presentare il modello per aprire la partita Iva adatto alla propria attività all’Agenzia delle Entrate mediante invio telematico, che può essere effettuato direttamente dal contribuente o tramite gli intermediari abilitati.  Per fare l’invio telematico è necessario essere registrati ai servizi telematici Entratel e Fisconline, come spiegato in questa pagina del sito dell’Agenzia delle entrate; con l’invio telematico le dichiarazioni si considerano presentate nel giorno in cui sono trasmesse telematicamente all’Agenzia delle Entrate. La prova della presentazione è data dalla comunicazione dell’Agenzia, che attesta l’avvenuto ricevimento della dichiarazioni.

L’ufficio assegnerà gratuitamente un numero di partita Iva che resterà invariato fino al momento della cessazione dell’attività, anche se dovesse variare il domicilio fiscale. Tale numero deve essere indicato nelle dichiarazioni fiscali, nella homepage dell’eventuale sito web e in ogni altro documento ove richiesto.

Se, successivamente rispetto all’apertura della partita Iva, varia uno degli elementi indicati nella dichiarazione di inizio attività (ad esempio il domicilio fiscale), il contribuente deve presentare, entro 30 giorni, la dichiarazione di variazione (sugli stessi modelli AA9 o AA7) ad un qualunque Ufficio locale dell’Agenzia delle Entrate.

Al contrario dei professionisti, coloro che sono tenuti all’iscrizione nel Registro delle Imprese o alla denuncia al Repertorio Economico Amministrativo (REA), devono aprire la partita Iva o dichiarare la cessazione della loro attività (per le comunicazioni di variazione non è ancora possibile) telematicamente presso la Camera di Commercio, seguendo la procedura Comunica.  Un recente decreto del Ministero delle Attività Produttive, ha infatti previsto solo la presentazione per via telematica o su supporto informatico (la trasmissione, in tal caso, deve essere corredata da firma digitale).
All’ufficio del Registro delle Imprese spetta poi trasmettere i dati, in via telematica, all’Agenzia delle Entrate, oltre che all’INPS e ove necessario all’INAIL, rilasciando apposita certificazione dell’avvenuta operazione al contribuente interessato.

Se desideri avere un supporto nelle azioni da compiere per aprire la tua nuova partita Iva, Contipronti offre un servizio di consulenza e di gestione operativa delle pratiche per l’apertura della partita Iva a distanza, tramite internet o telefono, facendo per te tutte le operazioni necessarie per l’apertura della partita Iva e seguendo passo passo le tue pratiche.
La modalità a distanza di Contipronti ti permette di risparmiare tempo e denaro, in quanto il rapporto con i professionisti che ti seguono avviene velocemente per telefono o tramite Internet, con un supporto continuo e personalizzato.

Se sei interessato ai servizi di Contipronti per l’apertura della partita Iva, puoi contattarci telefonando al numero 3382909845, oppure compilando il form che trovi qui sotto:

Nome e Cognome (richiesto)

Telefono

Località

Email (richiesto)

Oggetto (richiesto)

Messaggio

Accetto le condizioni generali d'uso e la privacy policy.

captcha
Codice di sicurezza