Chiusura partite Iva inattive – Un aggiornamento

ContiPronti.it – Il servizio contabile più comodo e economico

Chiedi info

Un aggiornamento importante per i titolari di partita Iva inattiva da più di 3 anni, per cui cioè non sia stata presentata, negli ultimi 3 anni, alcuna dichiarazione Iva.
Come già molti di voi sapranno, con il D.M. 98/2011, l’Agenzia delle Entrate aveva previsto una sanatoria per la chiusura di queste partite Iva inattive, che prevede il pagamento di 129 euro, ossia circa un quarto della multa minima normalmente applicata a chi si dimentica di fare la procedura richiesta per la chiusura della partita Iva, a patto che tale pagamento sia fatto entro il 4 ottobre 2011.

Il mese scorso l’Agenzia delle Entrate ha emesso una circolare, la 41/E, in cui, tra i tanti punti in essa contenuti, l’Agenzia specifica, contrariamente a quanto comunicato il mese precedente con il comunicato stampa dell’11 luglio scorso, che chi vuole usufruire della sanatoria per la chiusura di una propria partita Iva inattiva da più di 3 anni, deve presentare, sempre entro il 4 ottobre 2011, una dichiarazione di cessazione dell’attività cui era collegata la partita Iva da chiudere.

Quindi
, allo stato attuale, chi ha una partita Iva inattiva da più di 3 anni, e vuole usufruire della sanatoria per la sua chiusura, deve:

1. versare all’Agenzia delle Entrate 129,00 euro entro il 4/10/2011;
2. presentare la dichiarazione di cessazione attività sempre entro il 4/10/2011.

Pare che le persone interessate da questo provvedimento siano parecchie: 2 milioni circa, secondo i dati dell’Agenzia delle Entrate.
Le partite Iva inattive e non chiuse costituiscono un problema per l’Agenzia delle Entrate in quanto esse spesso rientrano tra quelle su cui vengono fatti gli accertamenti fiscali, e vanno quindi a falsificare il campione delle attività su cui viene fatta l’attività di controllo anti-evasione.
Chi ha una partita Iva inattiva da più di 3 anni e non effettuerà quanto richiesto entro il 4 ottobre 2011 continuerà a rischiare di pagare la sanzione prevista senza sconti, che può arrivare fino a 2.065 euro.

Leggi tutte le news

Se hai ulteriori dubbi o se desideri ricevere una consulenza specialistica sul tema della chiusure delle partite Iva inattive, contattaci compilando il form qui sotto.

[customcontact form=1]